Porpora – Il colore dell’intesa

Porpora è il cortometraggio di Davide Mastrangelo, regista di Forlì e direttore del locale festival sperimentale “Ibrida”.

Dieci minuti per raccontare la relazione tra due ragazzi che trascorrono segretamente insieme i loro pomeriggi, si addentrano nei viottoli della cittadina o si rifugiano sul tetto di una fabbrica abbandonata per ritagliarsi un momento per loro, lontani da occhi indiscreti. Il titolo “porpora” è una suggestione, è il colore della crescita, del cambiamento e delle emozioni che vengono rappresentate in un momento particolare della relazione: l’incontro. Mastrangelo ha un intento specifico, non vuole raccontare nei dettagli la storia dei due ragazzi, ci mostra infatti il momento dell’intesa, omettendo anche ipotetiche scene di baci per fornire allo spettatore una libera interpretazione; il regista afferma infatti che: “è quello che non c’è quello che ti dà di più”.

Davide Mastrangelo, nel ruolo di direttore di un festival sperimentale, definisce invece il suo corto “narrativo”, nonostante nelle riprese si trovi una scena registrata con il cellullare che dà quel tocco grezzo e, come ci aspettiamo da questo festival, undergound.

Veronic Vair